fare uscire una foto da se stessa :-)

Standard

tanto per rendere meno noioso un pomeriggio grigio e piovoso e umido si potrebbe fare  un simpatico giochetto come realizzare una foto che esca da se stessa guardate questa foto:

come vedete una parte del gambo esce dalla foto, fare questo è molto semplice la foto originale ha un lungo gambo

a questo punto decido di  “FAR USCIRE”  dalla foto una parte del gambo, usando il programma di fotoritocco che volete, Corel-Photo Paint, Adobe-Photoshop ecc, anche quelli semplicissimi che si trovano free, oppure anche il programma “paint” che trovate fra  il gruppo di “accessori” come dotazione di Windows , l’unica cosa importante è che abbia lo strumento per selezionare a mano libera,ma ormai lo hanno tutti i programmi anche quelli che si scaricano liberamente da internet: usiamo lo strumento seleziona come maschera o come strumento a mano libera per selezionare la parte di gambo da far uscire così:

dopo aver selezionato clikkiamo su copia poi apriamo un nuovo foglio di lavoro e clikkiamo incolla, avremo a così a disposizione la nostra parte di gambo da utilizzare dopo, a questo punto tagliamo la nostra foto fino alla parte di gambo che abbiamo già selezionato e copiato nel nuovo foglio

adesso siamo quasi alla fine, dobbiamo assemblare i pezzi in un foglio nuovo (ancora) il cui sfondo lo decidiamo noi io consiglio sfondi chiari se la foto è scura e sfondi scuri se la foto è chiara poi sul nuovo foglio incolliamo la foto tagliata e il gambo che avevamo già scontornato cercando di far combaciare bene i due pezzi, a questo punto “uniamo gli oggetti allo sfondo” e per dare piu’ evidenza al tutto passiamo la foto in un filtro “plastica” o “rilievo” o altro filtro che aggiunga spessore alla foto e che si trovano in tutti i programmi e il risultato è davvero simpatico ed è quello della foto iniziale, vi lascio altri esempi di foto che escono dalle foto, sempre ottenuti con lo stesso procedimento

Annunci

»

  1. Cara, anche con questo post dall’apparente leggerezza riesci a riportare la memoria ai grandissimi dell’arte. A Escher e un po’ a tutta la sua opera: ad esempio cito il quadro delle mani che escono dal foglio e reciprocamente si disegnano il polso della camicia. Ma forse in maniera più indiretta a Fontana che mostra, con il colore piatto e il taglio, la tridimensionalità (nel caso specifico, non illusoria) della tela.

    • grazie infinitamente, è così sì è un modo diverso di interpretare anche un possibile spazio “altro” .
      la fotografia permette spesso questo, anche giocando in altri modi
      un commento che molto ha detto e di cui ti sono vermante grata
      chicca

  2. In pochi passaggi si ottiene un risultato strepitoso (chi ci riesce, ovviamente) e oserei dire che il “fuorifoto” del fiore viola (iris o gladiolo, credo) è sontuoso così che trattengo a stento l’impulso a “rubare un fiore”…
    🙂

se vuoi commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...